Formazione bibliotecari

formazione20 bibliotecari in rappresentanza di 16 biblioteche polesane hanno aderito alla giornata di formazione organizzata dal Sistema Bibliotecario Provinciale di Rovigo che si terrà martedì 18 novembre, presso le sale informatiche del Cur di Rovigo. L’obiettivo dell’incontro, dal titolo “La catalogazione partecipata in EC”, è di consentire ai bibliotecari di acquisire le competenze catalografiche minime per l’informatizzazione dei patrimoni locali. Grazie infatti agli strumenti on-line messi a disposizione dal SBP a tutti gli aderenti è offerta l’opportunità, non solo di condividere un moderno catalogo bibliografico liberamente interrogabile dagli utenti via web, ma anche di rendersi autonomi nella complessa attività di catalogazione; ciò è reso possibile grazie alle procedure attivate dal SBP, che permettono la cattura e condivisione delle schede descrittive dei volumi, create per tutto il sistema dai catalogatori professionisti del Sistema.

Il corso, tenuto dalla dott.ssa Antonella Turri dell’Accademia dei Concordi, ente partner del SBP, è aperto a tutte le biblioteche della rete ma è rivolto in particolare al personale dei nuovi enti aderenti, le biblioteche comunali di Villanova del Ghebbo e di San Bellino e la scolastica I.I.S. – Polo Tecnico di Adria.

Al SBP aderiscono 53 biblioteche polesane, tra le quali l’80% delle biblioteche comunali, mentre il Catalogo Collettivo del SBP, consultabile all’indirizzo http://easyweb.sbprovigo.it, conta ad oggi (12.11.2014) 202.388 record librari per 390.932 unità librarie.

Un commento

  1. Nonostante le risorse pressoché inesistenti il Servizio Bibliotecario di Rovigo si è sempre distinto per aver avuto la capacità di catalizzare le risorse del territorio in maniera efficace efficiente dando nuovo significato al concetto di sussidiarietà.
    Piccole biblioteche sono riuscite a sopravvivere grazie all’aiuto di altre biblioteche e al supporto garantito dal Servizio Bibliotecario.
    La perdita di questo Servizio impoverirà ulteriormente il contesto culturale del Polesine.
    Le eccellenze andrebbero valorizzate non azzerate.

I commenti sono disabilitati.